Testo

Articoli di Plinio Corrêa de Oliveira

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

  Ubbidire per essere libero

 

di Plinio Corrêa de Oliveira

 

No, caro ateo. Facendo eco lontana alle parole del vescovo san Remigio in occasione del battesimo di Clodoveo, primo re cristiano dei franchi, ti dico: "Brucia ciò che hai adorato e adora ciò che hai bruciato". Sì, brucia l'egoismo, il dubbio, la apatia, e, mosso dall'amore di Dio, ama e servi e lotta per la fede, per la Chiesa e per la civiltà cristiana.

Sacrificati. Rinuncia.

Come? Come lo hanno fatto, in tutti i secoli, quelli che hanno combattuto per Gesù Cristo la "buona battaglia" (2 Tim. 4,7).

E lo farai in modo molto segnalato se seguirai il metodo definito e fondato da san Luigi Maria Grignion di Montfort. Si tratta della "schiavitù di amore" alla Vergine santissima.

"Schiavitù"… Parola dura e insolita, soprattutto per le orecchie moderne, abituate a sentire parlare, in ogni momento, di disalienazione, di liberazione, e sempre più propense a una grande anarchia, che, come uno scheletro con la falce in mano, sembra ridere sinistramente agli uomini, dal limitare della porta di uscita del secolo XX, dove li aspetta.

Ora, vi è una schiavitù che libera, e vi è una libertà che schiavizza.

Dell'uomo che adempiva ai suoi obblighi si diceva un tempo che era "schiavo del dovere". Di fatto, era un uomo posto al vertice della sua libertà, che comprendeva con un atto tutto personale le vie che doveva percorrere, decideva con forza virile di percorrerle, e vinceva l'assalto delle passioni disordinate, che tentavano di accecarlo, di rammollirne la volontà e di sbarrargli il cammino liberamente scelto. L'uomo che, ottenuta questa suprema vittoria, proseguiva con passo fermo nella direzione dovuta, era libero.

"Schiavo" era, al contrario, chi si lasciava trascinare dalle passioni sregolate, in una direzione che la sua ragione non approvava, né la sua volontà aveva scelto. Questi autentici vinti venivano chiamati "schiavi del vizio". Si erano, per schiavitù al vizio, "liberati" dal sano imperio della ragione.

Leone XIII ha esposta questi concetti di libertà e di servitù, con la brillante maestria che gli è propria, nella enciclica "Libertas" (del 20-6-1888).

Oggi si è rovesciato tutto. Come tipo dell'uomo "libero" si considera l'hippie con il fiore in pugno, che girovaga senza fissa dimora e senza meta, oppure l'hippie che, con una bomba in mano, semina il terrore a suo piacimento. Al contrario, si considera come legato, come uomo non libero chi vive nella ubbidienza alle leggi di Dio e degli uomini.

Nella prospettiva attuale, è "libero" l'uomo che la legge autorizza a comperare le droghe che vuole, a usarle come gli pare, e infine… a diventarne schiavo. Ed è tirannica, schiavizzante, la legge che vieta all'uomo di diventare schiavo della droga.

Sempre in questa strabica prospettiva, fatta di inversione di valori, è schiavizzante il voto religioso mediante il quale, in piena coscienza e libertà, il frate si dedica, rinunciando a qualsiasi ritirata, al servizio, pieno di abnegazione, dei più alti ideali cristiani. Per proteggere questa libera decisione contro la tirannia della propria debolezza, il frate si assoggetta, con questo atto, alla autorità di superiori vigilanti. Chi si lega così, per conservarsi libero dalle sue cattive passioni, è oggi soggetto a essere qualificato come vile schiavo.

Come se il superiore gli imponesse un giogo che limitasse la sua volontà… quando, al contrario, il superiore serve da guida per le anime elevate che aspirano, liberamente e coraggiosamente - senza cedere alla pericolosa vertigine delle altezze -, a salire fino in cima alle scale dei supremi ideali.

Insomma, per gli uni è libero chi, con la ragione obnubilata e la volontà spezzata, spinto dalla follia dei sensi, ha la possibilità di scivolare voluttuosamente sulla slitta dei cattivi costumi. Ed è "schiavo" chi si piega alla propria ragione, vince con forza di volontà le proprie passioni, ubbidisce alle leggi divine e umane, e mette in pratica l'ordine.

Soprattutto è "schiavo", in questa prospettiva, chi, per garantire più completamente la propria libertà, scegli liberamente di sottomettersi ad autorità che lo guidino verso la meta alla quale vuole giungere. A questo punto ci porta l'attuale atmosfera, impregnata di freudismo!

San Luigi Maria Grignion di Montfort ha pensato la "schiavitù di amore" alla Madonna in un'altra prospettiva, adatta a tutte le età e a tutti gli stati di vita: laici, sacerdoti, religiosi, ecc.

Cosa fa la parola "amore" coniugata alla parola "schiavitù" in un modo che sorprende, dal momento che questa ultima significa imperio brutalmente imposto dal forte al debole, dall'egoista al misero che sfrutta? In buona filosofia, "amore" è l'atto con il quale la volontà vuole liberamente qualcosa. Così, anche nel linguaggio corrente, "volere" e "amare" sono parole utilizzabili nello stesso senso. "Schiavitù di amore" è il nobile vertice dell'atto con cui qualcuno si dà liberamente a un ideale, a una causa. Oppure, talora, si lega a un altro.

L'affetto sacro e i doveri del matrimonio hanno qualcosa che vincola, che lega, che nobilita. In spagnolo, le manette si chiamano "esposas", "spose". La metafora ci fa sorridere, e può fare rabbrividire i divorzisti. Allude, infatti, alla indissolubilità. In portoghese, e in italiano, si parla di "vincolo" matrimoniale.

Più vincolante dello stato matrimoniale è quello sacerdotale. E, in un certo senso, lo è ancora di più quello religioso. Quanto più alto è lo stato liberamente scelto, tanto più forte è il vincolo, e tanto più autentica la libertà.

Così, san Luigi Maria propone che il fedele si consacri liberamente come "schiavo di amore" alla santissima Vergine, donandole il suo corpo e la sua anima, i suoi beni interiori ed esterni, e anche, persino, il valore delle sue buone opere passate, presenti e future, affinché la Madonna ne disponga, per la maggior gloria di Dio, nel tempo e nella eternità (Cfr. San Luigi Maria Grignion di Montfort, "Consacrazione di sé stesso a Gesù Cristo, Sapienza incarnata, per le mani di Maria"). La Madonna, come madre eccelsa, ottiene in cambio, per il suo "schiavo di amore", le grazie divine che elevano le sue operazioni intellettuali fino a una comprensione lucidissima dei più alti temi della fede, che danno agli atti della sua volontà una forza angelica per salire liberamente fino a questi ideali, e per vincere tutti gli ostacoli interiori ed esterni, che a essi indebitamente si oppongono.

Ma - chiederà qualcuno - come potrà mettersi a praticare questa diafana e angelica libertà un frate, già soggetto con voto alla autorità di un superiore?

Niente di più facile. Si è frate per chiamata, o "vocazione", di Dio, perciò il religioso ubbidisce ai suoi superiori per volontà di Dio. La volontà di Dio è volontà della Madonna. E così, qualora il religioso si sia consacrato come "schiavo di amore" alla Madonna, ubbidisce al proprio superiore in quanto schiavo di lei. La voce di questo è per lui, sulla terra, come la voce stessa della Madonna.

Chiamando tutti gli uomini alle vette di libertà della "schiavitù di amore", san Luigi Maria lo fa in termini così prudenti da lasciare libero il campo per importanti sfumature. La sua "schiavitù di amore", così piena di particolare significato per le persone legate con voto allo stato religioso, può essere ugualmente praticata da sacerdoti secolari e da laici. Infatti, contrariamente ai voti religiosi, che obbligano per un certo tempo oppure per tutta la vita, lo "schiavo di amore", può lasciare in qualsiasi momento questa elevatissima condizione, senza "ipso facto" commettere peccato. E, mentre il religioso che disubbidisci alla sua regola incorre in peccato, il laico "schiavo di amore" non commette nessun peccato per il semplice fatto di contraddire in qualcosa la generosità totale del dono che ha fatto.

Ciò posto, il laico si mantiene in questa condizione di schiavo con un atto libero, implicitamente o esplicitamente ripetuto ogni giorno. O meglio, in ogni istante.

Per tutti i fedeli, la "schiavitù di amore" è, dunque, la angelica e somma libertà con la quale la Madonna li aspetta sulla soglia del secolo XXI: sorridente, attraente, li invita nel suo regno, secondo la sua promessa a Fatima: "Infine, il mio Cuore Immacolato trionferà".

Vieni, caro ateo, convertiti e cammina con me, con tutti gli "schiavi di amore" di Maria, verso questo regno di libertà sommamente ordinata, e di ordine sommamente libero, nel quale ti invita la Schiava del Signore, la Regina del Cielo.

E allontanati dalla soglia sulla quale è il demonio, scheletro che ride in modo macabro, con in mano la falce della libertà sommamente schiavizzante, e della schiavitù sommamente libertaria. Ossia della anarchia.

("Folha de S. Paulo", 20-9-1980. Trascritto da "Cristianità")

Iscriviti alla Newsletter

Inoltre se desiderate essere invitati alle riunioni pubbliche in una delle città sopra elencate, Vi preghiamo di selezionare la casella corrispondente.
FacebookTwitter