Testo

Articoli di Plinio Corrêa de Oliveira

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter
Ambienti Costumi Civiltà

 

Se qualcuno soffrisse improvvisamente di un disturbo
agli occhi, ai nervi o alla mente...

di Plinio Corrêa de Oliveira

 

[Tratto da «Catolicismo», n° 131, novembre 1961]

 

velazquez_las_meninasIl famoso quadro di Velázquez, Las Meninas, è giustamente ritenuto uno dei capolavori dell’arte.

La grazia delicata dell’Infanta, l’affetto pieno di dignità e di rispetto delle fanciulle di Corte che la servono, la fierezza del cavaliere di Santiago a sinistra (che sarebbe lo stesso pittore), tutto esprime un ambiente raccolto, elevato, profondamente civilizzato. L’attenta considerazione di questo capolavoro, oltre a stimolare il senso artistico, è altamente formativa dello spirito.

Ma, se un osservatore soffrisse improvvisamente di un disturbo agli occhi, ai nervi o alla mente, è chiaro che vedrebbe dissolversi le armonie del quadro. Al culmine della perturbazione, l’aspetto del quadro di Velázquez potrebbe raggiungere il livello di deformazione mostrato dal secondo cliché.

picasso_las_meninasL’inverso non potrebbe mai succedere. Se qualcuno osservasse il secondo cliché e avesse un disturbo agli occhi, ai nervi o alla mente, mai riuscirebbe a vedervi Las Meninas. Questo è così evidente che non ha bisogno di commenti.

Il primo quadro non è il risultato del disordine, ma dell’ordine, del talento, della cultura, della civiltà. Esso mostra, nei suoi sensi reconditi, un’impronta profondamente cristiana. Il secondo quadro non è il risultato dell’ordine bensì del disordine, della stravaganza, dello squilibrio, dell’intemperanza. Esso può provenire soltanto dalle passioni sregolate oppure da una malattia.

Il secondo cliché riproduce la copia realizzata dal Picasso dell’immortale quadro di Velázquez. Senza commenti...

Iscriviti alla Newsletter

Inoltre se desiderate essere invitati alle riunioni pubbliche in una delle città sopra elencate, Vi preghiamo di selezionare la casella corrispondente.
FacebookTwitter