Testo

Articoli di Plinio Corrêa de Oliveira

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

“L'ANIMA DI OGNI APOSTOLATO”

Il libro di Dom Chautard: un esempio provvidenziale dei suoi generosi frutti

 

Plinio Corrêa de Oliveira

 

In diverse occasioni, Plinio Corrêa de Oliveira evidenziò l’importante ruolo svolto da L’anima di ogni apostolato per la propria perseveranza nel suo apostolato laicale. Il motivo di questa sua passione per il libro di Dom Chautard, viene da lui spiegato in una conferenza tenuta dinanzi a un pubblico composto, in gran parte, da giovani cooperatori della Società Brasiliana per la Difesa della Tradizione, Famiglia e Proprietà, di cui è stato Fondatore e Presidente.

 

Dopo il Trattato della vera devozione alla Ss.ma Vergine, scritto da San Luigi Grignion da Monfort, un altro libro che diede un inestimabile beneficio alla mia vita spirituale e alla mia vocazione contro-rivoluzionaria fu L'anima di ogni apostolato, scritto dal celebre abate trappista Dom Chautard.

Nato in un paesello di una regione montagnosa della Francia, questo insigne uomo di Dio sentì risuonare precocemente nel suo intimo il richiamo della Trappa. Avendo abbracciato la vita religiosa, divenne non soltanto un monaco esemplare, ma anche un ardito e vittorioso combattente per la causa cattolica, perseguitata dall'anticlericalismo francese all'inizio del nostro secolo.

Dom Chautard visse durante il pontificato di San Pio X, quando il progresso tecnico e industriale del mondo contemporaneo cominciava a dare grandi prove di sé.  Ai suoi fautori, tale progresso appariva come antitetico alla Chiesa tradizionale, la quale sembrava lenta, impolverata dal passato, radicata nei suoi dogmi e nei suoi immutabili princìpi morali: una Chiesa, quindi, che pian piano veniva trascurata da tutte le persone che s'inebriavano di modernità.

Questa ebbrezza recava, di conseguenza, un grave rilassamento spirituale, provocando non poche apostasie. Per affrontare questa decadenza religiosa, molti sacerdoti zelanti incominciarono a fondare quelle che si chiamarono "opere pie", cioè cattoliche. Erano luoghi in cui i giovani potevano riunirsi senza mettere a rischio  la loro vita spirituale; in cui, a fianco di sani svaghi, ricevevano lezioni di catechismo ed erano formati nella conoscenza della dottrina cattolica. 

Queste opere evitarono che innumerevoli giovani cadessero sotto le grinfie del male. Fu senza dubbio un frutto abbastanza prezioso...ma insufficiente. Occorreva conquistare nuove anime alla Chiesa, il che non avveniva. Rappresentava, dunque,  uno sforzo colossale che però produceva un risultato esiguo.

Profondo osservatore delle cose, Dom Chautard mise allora il suo vigoroso dito nella piaga e scrisse il libro L'anima di ogni apostolato. Il titolo rivela già una grande verità: esiste allora un apostolato senz'anima, poiché se esiste un'anima di ogni apostolato vuol dire che quest'ultimo può essere fatto con essa o senza di essa. Dom Chautard dimostrerà, appunto, che l'apostolato delle "opere pie" non otteneva migliori frutti proprio perché non aveva anima.

Qual è, dunque, quest'anima di ogni apostolato? La risposta a questa domanda m'interessava moltissimo. Infatti, desiderando realizzare la Contro-Rivoluzione, un'opera eminentemente apostolica, volevo invitare ed attirare a questo ideale i giovani del mio tempo. Notavo però la relativa inutilità degli sforzi che, a questo fine, si facevano intorno a me. Donde il mio immenso interesse nel prendere conoscenza della dottrina esposta dall'abate trappista.

Secondo Dom Chautard, la sostanza dell'apostolato sta nel fatto che l'apostolo sviluppi nella sua anima, in grado superlativo, la grazia di Dio e la trasmetta agli altri. Quando qualcuno possiede in sé, in modo intenso ed abbondante, la vita della grazia, l'azione di Dio si fa sentire - persino involontariamente - attraverso questa persona, su coloro ch'essa vuole conquistare. Nelle loro anime, tale azione produce quindi frutti spirituali analoghi a quelli che ha prodotto nell'anima dell'apostolo. Così, l'apostolato sarà fecondo quando il suo strumento umano godrà di una elevata partecipazione alla grazia divina; sarà invece sterile quando questa partecipazione sarà insufficiente.

Dom Chautard insiste però nel dire che, per il pieno successo, non basta che l'apostolo viva nel semplice stato di grazia; occorre ch'egli lo abbia con sovrabbondanza, affinché i doni celesti trabocchino dalla sua anima a quelle dei suoi discepoli. Questa dottrina, Dom Chautard la dimostra con una ricchezza di argomenti inoppugnabili, illustrandoli con diversi esempi che egli colse dalle sue polemiche apostoliche.

Dinanzi a questo luminoso insegnamento, io mi posi il problema: "Quel che dice è perfetto e tutti questi argomenti valgono pure per il mio apostolato. Quindi, o io cerco di santificarmi, o non sarò che un pagliaccio. Trascorrere una vita spensierata, piacevole, senza sofferenze, illudendomi di realizzare nel mondo le trasformazioni che desidero, è pura fantasticheria! Non otterrò nulla, perché non avrò il grado di fervore necessario. Dunque, per concretizzare le mie aspirazioni, bisogna che io miri... alla santità!"

Esponendo la sua dottrina, Dom Chautard indica come grandi indizi della santità specialmente la purezza e un'altra virtù, verso la quale avevo una certa incomprensione: l'umiltà. Benché io sapessi che si trattava di una caratteristica cristiana, e sebbene avessi letto nei Vangeli che Nostro Signore fosse stato infinitamente umile nella sua vita terrena, le persone che mi erano indicate come modelli di umiltà mi sembravano caricature di questa virtù. Provavo quindi difficoltà nel capirla.

Questo problema si risolse con la lettura dell'opera di Dom Chautard, la quale mi fece capire che l'umiltà è, fondamentalmente, la virtù per cui non cerchiamo di attribuire a noi stessi quel che appartiene a Dio. Quindi, se nel fare apostolato convertiamo qualcuno, dobbiamo ammettere che non siamo stati noi ad averlo fatto, bensì Nostro Signore Gesù Cristo, servendosi di noi. Un uomo può quindi essere un ottimo predicatore, un esimio oratore, un eccellente catechista, eccetera; ma egli non convertirebbe nessuno, se Dio non gli concedesse la sua grazia al riguardo. 

Da un'altra prospettiva, Dom Chautard mette in rilievo che ogni uomo dev'essere umile nei confronti della persona che ha il diritto di comandargli; ha quindi l'obbligo di compiacersi nell'ubbidire al suo superiore, con rispetto, amore e sottomissione. Tutte queste disposizioni d'animo conducono alla santità, la quale costituisce il cuore del completo successo di ogni apostolato.

Nella lotta quotidiana in cerca di questa perfezione, il libro di Dom Chautard fu per me un preziosissimo aiuto. Senza di esso, io avrei semplicemente perduto la mia anima, per esempio quando fui eletto deputato federale. Infatti, a 24 anni, essere il parlamentare più giovane e più votato del Brasile, sul quale in quel momento erano puntati tutti gli occhi di tutti gli ambienti cattolici del Paese, poteva indurmi facilmente all'autocelebrazione, a pensieri di vanità: "Che gigante sono! Essere già riuscito, così giovane, ad impormi a tante migliaia di elettori! Che intelletto straordinario il mio!" , eccetera.

Il risultato sarebbe stato inebriarmi di me stesso; e quando mi fossi trovato di fronte all'alternativa - o apostatare o rinunciare alla rielezione - avrei scelto l'apostasia. Allora, fu grazie agli insegnamenti di Dom Chautard che potei mantenermi fedele in quella delicata fase della mia vocazione.

A questo proposito, mi ricordo di un episodio molto significativo che mi capitò in un giorno solenne all'Assemblea Costituente, insediata in quei tempi a Rio de Janeiro, nel Palazzo Tiradentes. Le automobili che portavano i deputati dovevano passare davanti a una fila di soldati schierata lungo la via che conduceva all'entrata dell'edificio. Quando l'automobile in cui mi trovavo - da solo, in frac e cilindro - apparve all'inizio della via, un ufficiale diede ordine di presentare le armi. Lentamente, la mia vettura passò in mezzo a quei soldati con le armi alzate. In quel momento, provai una tendenza a inebriarmi di quell'omaggio, perché sono sempre stato un grande ammiratore degli onori militari, ritenendoli i più adatti a celebrare la grandezza di un uomo. Mi sentii inclinato a compiacermi di essere fatto oggetto di quegli onori... Nello stesso momento, però, la grazia risvegliò nella mia anima questo pensiero: "E Dom Chautard?..."

Allora riflettei: "Devo reprimere immediatamente questo  moto d'animo, non guardare il plotone che mi sta presentando le armi e chiedere aiuto alla Madonna". Immediatamente deviai lo sguardo verso il lato opposto, facendo il proposito di ignorare qualsiasi onorificenza, purché non fosse a danno della causa cattolica.

Ritengo che molti giovani, trovandosi in situazioni analoghe, se non avranno letto L'Anima di ogni Apostolato, si troveranno in grave rischio di perdersi, cedendo alla vanità. In questa materia è necessario essere meticolosi e non consentire mai a un moto di ebbrezza di sé, per quanto piccolo sia. Così, quando ci elogiano, ci applaudono o riconoscono in noi qualche qualità, dobbiamo sforzarci di non badare a queste lodi.

Cerchiamo di essere umili con naturalezza, senza falsa modestia e senza arroganza. Però con un timore maggiore di diventare orgogliosi che artificiosamente umili: questi infatti godono di attenuanti e potrebbero quindi arrivare in Cielo; ma i vanitosi troverebbero chiuse le soglie della beatitudine eterna...

Ecco alcune  preziose lezioni che ho tratto dalla lettura dell'ammirevole opera di Dom Chautard.

Categoria: Brani scelti

Iscriviti alla Newsletter

Inoltre se desiderate essere invitati alle riunioni pubbliche in una delle città sopra elencate, Vi preghiamo di selezionare la casella corrispondente.
FacebookTwitter