Testo

2015

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Isis: rapite in Siria 230 persone, tra cui 60 cristiani

Il sequestro è avvenuto dopo la conquista della cittadina in cui vivevano, in provincia di Homs.

Siamo nella Siria centrale, in un luogo chiamato al-Qaryatain, dove i terroristi sono entrati di sera. Molti dei cristiani rapiti, tra cui donne e bambini, erano fuggiti dalla provincia di Aleppo.

Si aggiungono dettagli all’ennesima crudeltà dell’Isis, resa nota il 7 agosto. Si apprende che i nomi dei cristiani rapiti questa volta erano su una lista di “collaborazionisti con il regime” ed erano “ricercati” come lo furono gli ebrei con i nazifascisti. Alcuni sono riusciti a fuggire, ma poi sono stati catturati. L’Osservatorio nazionale siriano per i diritti umani ha riferito che tra gli ostaggi ci sono 19 minorenni e 45 donne.

Al-Qaryatain non è nuova ai sequestri di persone di fede cristiana: a maggio venne rapito il priore del monastero di Mar Elian (Dar Alyan), padre Jacques Murad, che era impegnato ad organizzare aiuti per i profughi da Palmira. Prima della guerra vivevano nella cittadina 18.000 sunniti, 2.000 siro-cattolici e cristiani cattolici e ortodossi, ma alcune stime dicono che adesso i cristiani rimasti sono solo 300.

Di “pulizia religiosa” parla senza mezzi termini a Radio Vaticana il patriarca della Chiesa siro-cattolica Ignace Youssif III Younan, puntando il dito contro i governanti occidentali che paiono indifferenti al destino dei cristiani siriani e sottolineando che gli abitanti sunniti di Al-Qaryatain stanno dalla parte dell’Isis e aspettavano solo il momento opportuno per attaccare l’esercito impiegato anche per proteggere i cristiani.

(Alessandra Boga)

Categoria: Ottobre 2015

Iscriviti alla Newsletter

Inoltre se desiderate essere invitati alle riunioni pubbliche in una delle città sopra elencate, Vi preghiamo di selezionare la casella corrispondente.
FacebookTwitter