Testo

2017

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Passione di Cristo: sorgente della vera misericordia


di Plinio Corrêa de Oliveira

 

Abbiamo bisogno di molta carità, ma una carità cristiana, non una qualsiasi filantropia. Perché? Semplicemente perché, senza la Chiesa di Nostro Signore Gesù Cristo, non c’è vera carità. Non nego che ci possano essere persone che fanno del bene agli altri. In questo caso, ci troviamo di fronte a ciò che il grande Pio X chiamava un “profumo di Fede”. La carità, però, è solo quella cristiana.

Nel cattolicesimo, qual è la principale fonte della carità? È la contemplazione della Passione di Nostro Signore Gesù Cristo. È la meditazione dettagliata su quanto abbia sofferto l’“Uomo dei Dolori”. È il ricordo pieno di affetto di Colui che “dalla testa ai piedi era una sola piaga, senza nulla di sano” (Isaia, 1,6). È la visione, giorno e notte, di Colui che, per la mano violenta dei Suoi nemici, fu ridotto a “un verme e non un uomo, rifiuto degli uomini, disprezzato dalla gente” (Ps. 21).

È nella contemplazione di tale dolore che il nostro cuore si dilata e diventa capace di avere misericordia del prossimo. La misericordia proviene dal vedere in ogni dolore umano la sofferenza dello stesso Cristo. Guarendo una piaga umana è come se baciassimo le piaghe di Nostro Signore, come se applicassimo un balsamo lenitivo sul Suo Corpo martoriato. Solo così possederemo la vera virtù della carità.

Prima di Cristo non c’erano ospedali né opere di carità.È stata una cattolica, Fabiola, a fondare il primo ospedale. Da allora, quante opere di carità sono state fondate! Da dove sono nate? Dalle piaghe santissime di Nostro Signore Gesù Cristo inchiodato sulla Croce. È dalla Passione di Cristo che è nato il conforto per tante creature sofferenti.

La migliore medicina per il dolore umano è la compassione. “Com-passione”, cioè soffrire col prossimo solo perché il prossimo soffre. È il riflesso delle sofferenze altrui nella propria anima. Come potrebbe scaturire dal cuore umano, così freddo, così duro, così egoista, il fiore profumato della compassione? Con la meditazione della Passione di Cristo. Solo le anime abituate a questa meditazione possono compatirsi col prossimo. Solo esse hanno gesti di tenerezza, parole di sincerità, discrezione nell’agire.

Dalla Passione di Cristo sgorga la misericordia, nascono le opere di misericordia, fluisce la consolazione. Quale giaculatoria potrebbe essere più adatta per mobilitare la misericordia cristiana che “Passio Christi, conforta me”?

(Titolo originale “Passio Christi, conforta me”, O Legionário, n. 637, 22 ottobre 1944) Quadro: Tiziano, Passione di Cristo, Museo del Prado, Madrid

Categoria: Marzo 2017

Iscriviti alla Newsletter

Inoltre se desiderate essere invitati alle riunioni pubbliche in una delle città sopra elencate, Vi preghiamo di selezionare la casella corrispondente.
FacebookTwitter