pliniologo

Sito dedicato al

Prof. Plinio Corrêa de Oliveira
(1908-1995)

pensatore e leader cattolico,

ispiratore delle Società per la difesa della

Tradizione Famiglia e Proprietà - TFP

Home

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Nella Spagna di Zapatero, S. Giacomo Apostolo non è politicamente corretto

 

“Dobbiamo trasformare in signor Santiago in un cittadino normale per accompagnare la voce dei tempi. Deve scendere dal cavallo, indossare un doppiopetto e andare a lavorare in ufficio”, si era sentito dire nel 1986 durante il primo governo socialista (José Maria Javierre, Ya, 24-07-86). “Togliamo Santiago dagli altari per non ferire la sensibilità di altri gruppi etnici”, si sente dire adesso (Corriere della Sera, 10-05-04). 

Ieri come oggi, per certe persone S. Giacomo Apostolo è un santo scomodo. L’evangelizzatore della Penisola iberica e patrono delle Spagne non può certo piacere a questi signori che altro non vogliono che “rigirare la Spagna come un pedalino”, cancellando più di mille anni di storia, di eroismo e di gloria.

Al centro dell’odierna discordia, la statua lignea di Santiago a cavallo e brandendo la spada che si trova nella Cattedrale di Compostella. Dietro richiesta del Capitolo dei canonici, la statua verrà rimossa e sostituita da un simulacro del santo nella mite versione di pellegrino.

 

“Non vogliamo che persone di altre culture possano sentirsi offese”, afferma il portavoce della Basilica, “dobbiamo evitare suscettibilità”. Secondo lui, il ritiro della statua era stato deciso da mesi, molto prima degli attentati dell’11 marzo e la conseguente salita al potere dei socialisti. Ma questa spiegazione non ha convinto.

Le critiche sono piovute. Un editoriale di El Mundo afferma che la decisione ferisce milioni di spagnoli. Serafin Fanjul, professore di letteratura araba all’Università Autonoma di Madrid reagisce indignato: “Come ignorare che la nazione spagnola si è forgiata nelle volontà collettiva di non voler essere musulmana e che la figura di Santiago ha svolto un ruolo centrale in questo processo?”

Perfino uno che si pregia di vicinanza col islam, come il prof. Franco Cardini di Firenze, ha dichiarato: “ritengo che scelte del genere siano profondamente errate e che nuocciano al dialogo fra le comunità anziché renderlo più facile” (Il Tempo, 12-05-04)

Non è mancata una campagna tramite Internet per offrire “asilo politico” a Santiago in diversi paesi di Europa. Promossa da una coalizione ad hoc di cattolici europei, l’iniziativa ha avuto eco sulla stampa spagnola.

Categoria: Giugno 2004

Iscriviti alla Newsletter

captcha 
Inoltre se desiderate essere invitati alle riunioni pubbliche in una delle città sopra elencate, Vi preghiamo di selezionare la casella corrispondente.
FacebookTwitter