pliniologo

Sito dedicato al

Prof. Plinio Corrêa de Oliveira
(1908-1995)

pensatore e leader cattolico,

ispiratore delle Società per la difesa della

Tradizione Famiglia e Proprietà - TFP

Home

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Il primo sguardo

 

di Plinio Corrêa de Oliveira

 

Questo affresco raffigurante la nascita del Bambino Gesù è del Giotto e si trova nella Cappella degli Scrovegni, a Padova.

San Giuseppe sta dormendo, attorno a lui si adagiano le pecorelle, l’asinello ed altri animali. Gli angeli svolazzano nel cielo cantando Gloria in excelsis Deo et in terra pax ominibus bonae voluntatis! I pastori ascoltano con attenzione. È esattamente ciò che la liturgia di Natale celebra la notte del 24 dicembre.

È notte fonda. La Madonna ha appena partorito il Bambino Gesù in modo misterioso e meraviglioso. Il suo gesto, il suo atteggiamento sono quelli d’una persona interamente sana che si prodiga per confortare il pargoletto. Lei compie questo gesto con una disinvoltura fisica che non è affatto normale in tali circostanze.

 

Come conseguenza del peccato originale, il parto è sempre un processo doloroso e difficile. Tuttavia, per particolare dono di Dio, essendo la Madonna preservata da ogni macchia, la nascita del Figlio di Dio si è compiuta in modo miracoloso. Ella è rimasta Vergine prima, durante e dopo il parto. Per Lei la nascita di Gesù non ha comportato nessun sforzo. Lei anzi sembra appena svegliata da un sonno leggero.

La scena è bellissima e commovente! Giotto ha ritratto magnificamente quel primo incrocio di sguardi quando la Madonna, per la prima volta con gli occhi della carne, ha potuto contemplare il frutto del Divino Spirito Santo concepito nel Suo grembo virginale.

 

Il Bambino Gesù è raffigurato come un neonato. Dobbiamo tuttavia considerare che, concepito senza peccato originale, e con la Sua natura umana unita ipostaticamente a quella della seconda Persona della Santissima Trinità, Egli ha goduto della piena intelligenza sin dal primo momento del Suo concepimento. Già nel grembo di Maria Santissima, perfettamente cosciente, Egli adorava il Padre, pregava e offriva riparazioni per gli uomini.

 

È quindi chiaro che, già durante la gravidanza, c’era fra Gesù e Sua Madre un’intimo rapporto spirituale di carattere mistico. Questo rapporto raggiunge un ulteriore apice quando, per la prima volta, i loro sguardi si incontrano. L’espressione del Bambino è lucida e piena di amore. Si contemplano, si conoscono... Egli analizza il volto di Sua Madre, e Lei fissa il Suo sguardo.

 

È un momento sublimissimo della loro vita!

 

* Brani d’una conferenza per soci e cooperatori della TFP brasiliana, 30 novembre 1988. Tratto dalla registrazione magnetofonica, senza revisione dell’autore.
Categoria: Dicembre 2004

Iscriviti alla Newsletter

captcha 
Inoltre se desiderate essere invitati alle riunioni pubbliche in una delle città sopra elencate, Vi preghiamo di selezionare la casella corrispondente.
FacebookTwitter