Testo

2004

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

"Morrò sul campo di battaglia, con l'arma in pugno!"

 

Perché è tramontata la Cristianità? Fra i tanti motivi, perché i cristiani hanno smarrito la loro fibra. Blanditi da un certo “buonismo” si sono dimenticati che “la vita dell’uomo sulla terra è una battaglia” (Giobbe, 7, 1). Anzi, la stessa parola “battaglia” riesce ormai molesta a tanti di loro, quasi fosse una bestemmia... Non si parla che di pace...

Non era questo il sentire dei grandi santi della Chiesa. Purtroppo, spesso i loro scritti in merito sono trascurati se non addirittura occultati. Leggiamo alcune pagine di una santa dichiarata da Giovanni Paolo II “Dottore della Chiesa universale”, e della quale non si può certo dire che sia stata una fanatica: Santa Teresina del Bambino Gesù, morta a soli 24 anni nel Carmelo di Lisieux, in Francia.

“Vorrei percorrere la terra, predicare il tuo nome, e piantare sul suolo infedele la tua Croce gloriosa. (...)

“Sento la vocazione di Guerriero, di Sacerdote, di Apostolo, di Dottore, di Martire; insomma, sento il bisogno, il desiderio di compiere per te, Gesù, tutte le opere più eroiche. Sento nella mia anima il coraggio di un Crociato, di uno Zuavo Pontificio; vorrei morire su un campo di battaglia per la difesa della Chiesa. (...)

“O mio sposo divino, morrò nelle tue braccia cantando, sul campo di battaglia, con l’arma in pugno! (...)

“Oh, no, non avrei avuto paura di andare in guerra. Per esempio, ai tempi delle crociate, con quale felicità sarei partita per combattere gli eretici”.

 

1. Cfr. Pierre Descouvemont e Helmut Nils Loose, Therèse et Lisieux, Paris, Ed. du Cerf, 1991, p. 272.

Categoria: Dicembre 2004

Iscriviti alla Newsletter

captcha 
Inoltre se desiderate essere invitati alle riunioni pubbliche in una delle città sopra elencate, Vi preghiamo di selezionare la casella corrispondente.
FacebookTwitter