pliniologo

Sito dedicato al

Prof. Plinio Corrêa de Oliveira
(1908-1995)

pensatore e leader cattolico,

ispiratore delle Società per la difesa della

Tradizione Famiglia e Proprietà - TFP

Home

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Editoriale

 

L'inizio d'una persecuzione?

 

“La guerra sta per finire ma se non smetteranno di offendere Dio nel pontificato di Pio XI ne comincerà un’altra peggiore. (...) La Russia diffonderà i suoi errori nel mondo promuovendo guerre e persecuzioni alla Chiesa. (...) Verranno certe mode che offenderanno molto Gesù. (...) Molti matrimoni non sono buoni”.


Con uno sguardo profetico, nel 1917 la Madonna a Fatima spaziò su tutta la storia contemporanea: dalla prima Guerra mondiale alla seconda, dall’espansione del comunismo sovietico alla crisi morale e familiare. Una diagnosi inesorabile, ma che non trascurava le soavità della misericordia divina, sempre presente: Infine il mio Cuore Immacolato trionferà!


Quest’anno segna il 90° anniversario delle apparizioni di Fatima, giudicate dal cardinale Tarcisio Bertone “la più profetica delle apparizioni moderne”. È il momento di offrirne una visione d’insieme, non solo per comprendere in profondità tutto ciò che ci siamo lasciati alle spalle, ma soprattutto per intuire ciò che ci aspetta.


Il messaggio di Fatima è percorso da un filo rosso: l’eterna lotta fra il bene e il male. Sullo sfondo, il panorama solenne e apocalittico d’suna intera umanità chiamata a schierarsi per Dio o contro Dio, assumendosi tutta la responsabilità delle conseguenze che questa scelta comporta.


Non è estranea a questa prospettiva la polemica che attualmente scuote l’Italia a proposito del progetto di legge sulle convivenze, i cosiddetti Dico. Gravemente sovversivo non solo della morale cristiana, ma anche della stessa legge naturale, questo disegno di legge rischia di scardinare definitivamente l’istituzione della famiglia, fondamento della società, con conseguenze imprevedibili per il nostro Paese.


Puntualmente, la Chiesa ha fatto sentire la sua voce, per bocca dei rappresentanti della Conferenza episcopale italiana e dello stesso Pontefice Benedetto XVI: i cattolici non possono in nessun modo favorire questo disegno di legge. Tanto è bastato per scatenare le varie sinistre contro questa “intrusione” della Chiesa in campo politico. Sullo sfondo, il delicato problema della missione che Nostro Signore Gesù Cristo ha affidato alla Sua Chiesa, e della sua libertà di realizzarla.

Coincidenza o meno, a gennaio il Consiglio dei ministri ha approvato un ddl proposto da Clemente Mastella che, applicato nella sua integrità, potrebbe implicare la fine della libertà di pensiero e di azione in campo morale e religioso in Italia e, di conseguenza, la fine della libertà della Chiesa di insegnare il suo Magistero.

Insomma, i prodromi di una situazione che potrebbe ben sfociare in un’aperta persecuzione religiosa.

Categoria: Maggio 2007

Iscriviti alla Newsletter

captcha 
Inoltre se desiderate essere invitati alle riunioni pubbliche in una delle città sopra elencate, Vi preghiamo di selezionare la casella corrispondente.
FacebookTwitter