Testo

2008

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

L'eredità del '68

 

Berkeley 1964: l’inizio di tutto

 

Dal 1955 gli Stati Uniti erano agitati dal Civil Rights Movement, un movimento popolare che chiedeva diritti civili per le persone di colore, come primo passo verso una democrazia più libera ed ugualitaria. Oltre ai democratici e riformisti di vario genere, il movimento era fiancheggiato anche da diversi settori della sinistra, compreso il Partito Comunista. Non pochi cattolici, inquinati da versioni di quel "cattolicesimo sociale" covato dalle nuove correnti teologiche, vi partecipavano con ardore.

Un tale cattolico era l’italo-americano Mario Savio, studente nell’Università di California a Berkeley. Nel settembre 1964, tornando da un giro di proteste nel Mississippi, egli si mise alla testa d’una rivolta studentesca che si sparse poi per altri campus, sotto l’egida del Free Speech Movement. La rivolta galvanizzò un ambiente già surriscaldato dalla controcultura beat hippie, innescando la serie di rivoluzioni studentesche che segneranno tutto il decennio, raggiungendo l'auge nel maggio 1968 parigino.

Categoria: Giugno 2008

Iscriviti alla Newsletter

captcha 
Inoltre se desiderate essere invitati alle riunioni pubbliche in una delle città sopra elencate, Vi preghiamo di selezionare la casella corrispondente.
FacebookTwitter