La TFP fa paura alle lobby LGBTQ