Newsletter Luglio 2012 - 1

Newsletter Luglio 2012 - 1
testata_newsletter

Newsletter dell'Associazione Tradizione Famiglia Proprietà — Luglio 2012 — 1

{share:facebook}   {share:twitter}

 

Roma, 16 luglio 2012
Madonna del Carmelo 

      

       Gentile , 

      

      L’estate è per noi un periodo parecchio impegnativo per via degli incontri giovanili organizzati dalle varie TFP europee. 

 

      Reduci dell’Incontro delle Famiglie realizzato dalla TFP scozzese nell’abbazia cistercense di Nunraw, presso Edimburgo (http://www.atfp.it/novita/745-scozia-incontro-delle-famiglie.html), ecco che abbiamo dedicato un’intera settimana al campeggio estivo per ragazzi della TFP irlandese nell’abbazia di Mount St. Joseph, presso Roscrea (http://www.atfp.it/novita/746-campeggio-estivo-della-tfp-irlandese.html).


      Al momento di scrivere queste righe, la mattina del 16 luglio – Festa della Madonna del Carmelo – ci disponiamo a partire con un folto gruppo di ragazzi alla volta di Cracovia, per partecipare all’Accademia Estiva organizzata dalla TFP di quel Paese nel castello di Zamec Niepomolice. 

 

      Nel chiedere le vostre fervide preghiere per il buon andamento di questo apostolato giovanile, abbiamo il piacere di offrirvi alcuni testi riguardanti la festa religiosa oggi celebrata, alla quale il prof. Plinio Corrêa de Oliveira era molto legato.


       Cordialmente,

        

 

firma loredopicc                                                                                                                            Julio Loredo

 

 


16 luglio: Madonna del Carmelo

 

      Il 16 luglio, la Chiesa celebra la festa della Madonna del Carmelo. Poi, il giorno 20, quella di San Elia profeta, fondatore ideale dell’Ordine Carmelitano.


      Fra la fine 1192 e il 1209, un gruppo di pellegrini in Terra Santa decise di ritirarsi in preghiera eremitica sulla cima del Monte Carmelo. Si trattava di reduci dalle crociate. Si chiamarono “Eremiti del Carmelo”. Abbiamo una testimonianza diretta all’inizio del secolo XIII in un opuscolo sugli itinerari e pellegrinaggi in Terra Santa. Un anonimo pellegrino ci parla di una “molto bella e piccola chiesa di nostra Signora che gli eremiti latini, chiamati Fratelli del Carmelo, avevano nel Wadi ain es-Siah”.


     “Carmelo” vuol dire giardino fiorito di Dio. Su questo monte, gli eremiti trovarono ancora viva la tradizione dei “Figli del profeta”, vale a dire i discepoli del profeta Elia che proprio sul Monte Carmelo compii la sua grande epopea (Cfr. 1Re, 18). In un momento di grande confusione politica e religiosa della storia di Israele, Elia rappresenta un sicuro punto di riferimento. È colui che restaura l’alleanza con Dio contro il culto dilagante di Baal; è il profeta che manifesta l’intervento strepitoso di Dio sul Carmelo: prima il fuoco che brucia il sacrificio, poi l’acqua, la nuvoletta, “come una mano d’uomo” che sale dal mare e porta la pioggia a dirotto.


      Tutti i commentatori concordano nel dire che questa nuvoletta raffigurava Maria Santissima, che avrebbe portato una pioggia di grazie al mondo. In altre parole, Elia è stato – ante litteram – il primo devoto della Madonna.


      Elia è specialmente ricordato per la sua vittoriosa sfida con i sacerdoti di Baal, finita con la strage di 450 di loro, compiuta per mano del Profeta.  Elia è paragonato al fuoco. Leggiamo nel Siracide (48, 1):


      “Sorse il profeta Elia come un fuoco, la sua parola bruciava come fiaccola (…) Come ti rendesti famoso, Elia, con i prodigi!  E chi può vantarsi di esserti uguale? (…) Fosti assunto in un turbine di fuoco  su un carro di cavalli di fuoco designato a rimproverare i tempi futuri”.


      Ma oltre ad essere il profeta del fuoco, Elia è colui che incontra Dio nel silenzio e nella preghiera (1Re 19, 11-14). Ci fu un vento impetuoso e gagliardo da spaccare i monti e spezzare le rocce davanti al Signore, ma il Signore non era nel vento. Dopo il vento ci fu un terremoto, ma il Signore non era nel terremoto. Dopo il terremoto ci fu un fuoco, ma il Signore non era nel fuoco. Dopo il fuoco ci fu il mormorio di un vento leggero. Come l’udì, Elia si coprì il volto col mantello, uscì e si fermò all’ingresso della caverna. Ed ecco udì una voce che gli diceva: “Che fai qui, Elia?”. Egli rispose: “Sono pieno di zelo, per il Signore Dio degli eserciti…”


      “Zelo zelatus sum pro Domino Deo exercitum”… Ecco il motto originale dell’Ordine Carmelitano, con tanto di braccio armato di Elia, a segnalare la sua vocazione eliatica e militante.


carmelo


 

      Il prof. Plinio Corrêa de Oliveira era un grande devoto di S. Elia. Entrato nel Terz’Ordine Carmelitano in Brasile, proprio per riallacciarsi all’eredità spirituale del Profeta del Fuoco, egli ne fu Priore per lunghi anni col nome di Frà Isaia della Madonna del Perpetuo Soccorso. Ecco un suo commento su S. Elia:


http://www.atfp.it/biblioteca/articoli-di-plinio-correa-de-oliveira/101-santo-del-giorno/619-20-luglio-santelia-profeta-.html


      Trascriviamo anche una sua conferenza tenuta nel 1959 per i membri del Terz’Ordine Carmelitano di San Paolo del Brasile, e pubblicato successivamente sulla rivista «O Mensageiro Carmelitano» (15-05-59). I sottotitoli sono redazionali.


http://www.atfp.it/biblioteca/saggi-di-plinio-correa-de-oliveira/93-come-vivere-la-consacrazione-alla-madonna-nei-giorni-nostri.html

 

      La grande venerazione del prof. Plinio nei confronti del profeta Elia e, di conseguenza, della spiritualità carmelitana influenzò diversi aspetti della sua opera spirituale, le Società per la difesa della Tradizione, Famiglia e Proprietà - TFP. Per esempio, l’abito di gala usato da alcuni membri delle TFP nelle occasioni solenni è improntato proprio alla tradizione carmelitana, come ci racconta uno stretto collaboratore del pensatore e leader cattolico brasiliano:


http://www.pliniocorreadeoliveira.it/cronache_filiali_001.htm

 

 

© Associazione Tradizione Famiglia Proprietà, Viale Liegi 44, 00198 Roma. Direttore responsabile: Julio Loredo. Questa Newsletter ha carattere meramente informativo. Se non desidera riceverla più, basta clickare qui Cancellati. Per qualsiasi informazione inviate una mail a info@atfp.it