Non sei connesso. La newsletter potrebbe includere alcune informazioni sull'utente, quindi potrebbero non essere visualizzate correttamente.

TFP Newsletter 12 maggio 2022

TFP Newsletter 12 maggio 2022

 

 

 TFP NEWSLETTER 12 MAGGIO 2022

 

shadowtop.jpg

         Gentile ,

 

        Difendere e preservare gli ultimi resti della Civiltà Cristiana dalla furia rivoluzionaria affinché una nuova cristianità più forte e stabile possa prosperare a lungo per la salvezza delle anime, ecco il nostro compito. Ma dove sono questi resti? E chi mai, se non la Chiesa Cattolica Romana – seppur tanto piagata e sfigurata da una tremenda crisi – dovrebbe guidare questa riscossa dopo una gloriosa restaurazione interna? Di fronte al caos moderno e all’orfanità spirituale in cui ci troviamo, riponiamo tutte le nostre speranze in Dio che mai abbandonerà la sua Sposa santa e immortale, depositaria della promessa che l’inferno non prevarrà contro di essa e che, per mezzo di essa, opererà in giorni lontani o vicini, anche se per noi misteriosi, una splendida rinascita della Civiltà Cristiana, la “pace di Cristo nel Regno di Cristo” e che questo avverrà per mezzo del trionfo del Cuore Immacolato di Maria. Dice Edmond Rostand nel suo celebre Chantecler: “è di notte che è bello credere nella luce”.  

 

                                                                                                        Cordialmente  

Samuele Maniscalco

 

COME IL PROGRESSISMO HA DISTRUTTO LA SCUOLA ITALIANA      

di Federico Catani

Risale al 1967 il “manifesto” della nuova scuola italiana, ovvero la celebre Lettera ad una professoressa di don Lorenzo Milani. Il prete di Barbiana voleva una scuola diversa, democratica, non elitaria, vicina al popolo. E cosa proponeva? Di eliminare la letteratura e la grammatica, viste come materie che umiliavano i poveri. Ai figli dei contadini, diceva, bisognava insegnare come si lavorava i campi. Solo così non si sarebbero sentiti inferiori e non avrebbero percepito la scuola come un’istituzione che li escludeva. A distanza di tanto tempo, questa visione dell’istruzione appare in tutto il suo delirio. Eppure all’epoca venne esaltata da molti come una grande e benefica novità. Ed anche oggi non mancano i suoi estimatori.

 

LE DUE BOMBE ATOMICHE  

di Julio Loredo

Una guerra nucleare potrebbe incombere sulle nostre teste. A nessuno sfugge che un tale conflitto potrebbe determinare, se non la fine, quantomeno una brutale battuta d’arresto per la nostra civiltà, secondo la logica della mutual assured destruction. Senza sminuire l’importanza dei fattori geopolitici in gioco nel conflitto, ci preme rilevare che, da cattolici, il nostro compito precipuo è contemplare gli avvenimenti dal punto di vista della teologia della storia, discernendone il significato provvidenziale. La Divina Provvidenza stessa ci ha dato la chiave di lettura: il messaggio della Madonna a Fatima nel 1917.

 

10 RICETTE PER PREPARARSI AL CROLLO ECONOMICO       

di Raymond Drake

Nessuno si aspetta che una casa senza fondamenta sopravviva a un uragano. Allo stesso modo, è irragionevole aspettarsi che, mentre i venti risultanti da decenni di comportamento intemperante e irresponsabile raggiungono la forza di una burrasca, la nostra società possa resistere al loro potere distruttivo. Tratte dall’illuminante libro di John Horvat “Ritorno all'ordine: da una economia frenetica a una società cristiana organica – Dove siamo stati, come siamo arrivati qui, dove dobbiamo andare”, elenchiamo 10 ricette per aiutarci in questa circostanza. 

 

LA CAUSA GIUDIZIARIA DI UN PROFESSORE DELL'UNIVERSITÀ DELL'OHIO MINACCIA DI METTERE IN GINOCCHIO TUTTA LA RIVOLUZIONE “WOKE”       

di Edwin Benson

 

Il mondo relativista d’inizio XXI secolo sostiene che nulla è vero per tutti. Il relativista postula che la "mia verità" e la "tua verità" potrebbero essere molto diverse. È un modo di dire insidioso e dovrebbe essere rifiutato da tutti perché riduce Nostro Signore - Via, Verità e Vita - a un bugiardo. La vittoria del professor Nicholas Meriweather sulla "woke" Shawnee State University ricorda a tutti che la verità è assoluta e non ammette deroghe.

 

COME AVVENNE IL “TRASBORDO IDEOLOGICO INAVVERTITO” NEL CATTOLICESIMO SOCIALE   

di Julio Loredo

 

Nel secolo XIX, come risposta cattolica alla cosiddetta “questione sociale”, sorse la corrente del “cattolicesimo sociale”. Nel suo insieme, la corrente faceva proprio il Magistero della Chiesa, esercitando sulla società un influsso salutare ispirato al Vangelo. Man mano, però, alcuni settori si lasciarono influenzare dallo spirito e dalle dottrine rivoluzionarie, dando forma a una corrente progressista. Da qui la distinzione fra un cattolicesimo sociale conservatore o tradizionalista e uno liberale o progressista. Il fenomeno più curioso, però, fu il lento scivolare di alcuni settori del cattolicesimo sociale tradizionalista verso posizioni che, poco a poco, si approssimarono a quelle progressiste, fino a, in non pochi casi, giungere a posizioni apertamente socialiste. 

 

DALLA RETE/ MATRIX, LE DOMANDE FILOSOFICHE SU REALTÀ, RICERCA E LIBERTÀ        

di don Stefano Bimbi

 

Matrix, di cui è uscito il quarto seguito all'inizio dell'anno, non è solo un film-culto di fantascienza, ma aiuta a rispondere alle domande filosofiche fondamentali. Si pone prima di tutto il quesito della realtà oggettiva, poi quello della sua ricerca. E infine quello della libertà di scelta, perché la ricerca della verità è una scelta.

 

DALLA RETE/ SARÀ ABOLITO L’ABORTO NEGLI STATI UNITI?  

di Tommaso Scandroglio

 

Forse la Corte Suprema degli Stati Uniti potrà mandare in soffitta la famigerata sentenza Roe vs Wade del 1973 che legalizzò l’aborto in tutto il Paese, a cui seguì nel 1992 un’altra storica sentenza dello stesso tenore: Planned Parenthood v. Casey. La prudenza è comunque doverosa per più motivi. 

 

LE DITA DEL CAOS E LE DITA DI DIO         

di Plinio Corrêa de Oliveira

 

Dopo la caduta dell’Impero Romano d’occidente fu la Chiesa a riportare l’ordine in Europa. E sarà ancora la Chiesa, liberata dalla crisi che oggi la attanaglia, a riportare l’ordine di fronte al caos post-moderno. Riponiamo dunque le nostre speranze in Dio che mai abbandonerà la sua Sposa santa e immortale e che, per mezzo di essa, opererà nei giorni lontani o vicini segnati dalla Sua misericordia e per noi misteriosi, la splendida rinascita della Civiltà Cristiana, il Regno di Cristo per il Regno di Maria.

 

separator.jpg

© Associazione Tradizione Famiglia Proprietà, Via Nizza, 110, 00198 Roma. Questa Newsletter ha carattere informativo. Se non desidera riceverla più, basta cliccare qui 

Annulla l'iscrizione ‍. Per qualsiasi informazione inviate una mail a info@atfp.it

shadowbottom.jpg