tfp it newlogo

VIII Stazione

Gesù consola le figlie di Gerusalemme

 

 

di Plinio Corrêa de Oliveira

Allora non sono mancate anime buone, che si rendevano conto dell'enormità del peccato che veniva commesso, e che temevano la giustizia divina.

Non assisto anch'io a qualche peccato di questo genere? Attualmente non è assolutamente vero che il Vicario di Cristo è disubbidito, abbandonato, tradito? Non è assolutamente vero che le leggi, le istituzioni, i costumi sono sempre più ostili a Gesù Cristo? Non è assolutamente vero che si costruisce tutto un mondo, tutta una civiltà fondata sulla negazione di Gesù Cristo? Non è assolutamente vero che la Madonna ha parlato a Fatima indicando tutti questi peccati e chiedendo penitenza?

Ma dov'è questa penitenza? Quanti sono coloro che in realtà vedono il peccato e cercano di segnalarlo, di denunciarlo, di combatterlo, di disputargli il terreno palmo a palmo, di levare contro di esso tutta una crociata di idee, di azioni, di forza viva, nel caso sia necessario? Quanti sono capaci di spiegare lo stendardo dell'ortodossia assoluta e senza macchia, nei luoghi stessi in cui si pavoneggia l'empietà, oppure la falsa pietà? Quanti sono quelli che vivono in unione con la Chiesa questo momento che è tragico come è stata tragica la Passione, questo momento cruciale della storia, in cui tutta un'umanità sta optando per Cristo o contro Cristo?

Mio Dio, quanti miopi preferiscono non vedere né immaginare la realtà che pure si presenta davanti ai loro occhi! Quanta bonaccia sospetta, quanto benessere spicciolo, quanto piccolo piacere di routine! Che piatto saporito di lenticchie da mangiare!

Gesù, dammi la grazia di non essere così. La grazia di seguire il tuo consiglio, cioè di piangere per noi e per i nostri. Non un pianto sterile, ma un pianto che si versa ai tuoi piedi e che, reso fecondo da te, si trasforma per noi in perdono, in energie di apostolato, di lotta, di intrepidezza.

 

Fonte: «Catolicismo», marzo 1951. Traduzione di Giovanni Cantoni. Terza edizione italiana, marzo 2008, Luci sull'Est, Roma.