Articoli di Plinio Corrêa de Oliveira

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

 

Libertà, lavoro o proprietà?

 

Spesso mi si chiede perché la TFP non ha posto nella sua divisa "libertà" o "lavoro" invece di "proprietà". Tratterò ora l’argomento.

Per Leone XIII la proprietà forma, con la libertà e il lavoro, un tutto armonico e indissociabile, al punto che nega simultaneamente questi tre valori anche chi nega soltanto uno di essi. E li afferma implicitamente tutti e tre, chi ne afferma uno.

Infatti, ogni essere vivente - dalla cellula più modesta al passero o a un leone - ha necessità ed è dotato di attitudini naturalmente destinate al soddisfacimento di queste necessità. Così, il passero e il leone hanno fame, e, perciò, l’istinto fa loro conoscere e desiderare l’alimento adeguato. E il loro corpo ha i mezzi necessari per impadronirsi di questo alimento e ingerirlo. Vi è, dunque, una correlazione naturale tra le necessità e le attitudini di ogni essere vivente.

Questo principio universale si applica anche agli uomini. E da questo derivano a ciascun uomo i tre diritti di essere libero, di lavorare e di diventare proprietario.

Infatti, per soddisfare le sue necessità, l’uomo ha una anima intelligente e dotata di volontà, per vedere e volere quello di cui abbisogna. Il suo corpo è, per esso, fonte di molteplici necessità, e anche strumento per fare quanto è necessario per rispondere a esse. Da questa situazione all’uomo deriva il fatto di avere contemporaneamente:

1. Il diritto alla libertà di agire secondo la sua retta ragione per raggiungere il suo fine;

2. Il diritto a esercitare un lavoro come mezzo per rispondere alle sue necessità;

3. Il diritto di proprietà.

Sì, il diritto di proprietà. Non pretendo di esporre in breve tutte le fonti legittime della proprietà. Vediamo semplicemente come essa nasce dalla libertà e dal lavoro.

Poiché l’uomo è padrone di sé stesso, è padrone delle sue capacità, e del lavoro mediante il quale esercita le sue capacità. E, poiché l’uomo è padrone del suo lavoro, è padrone del frutto del suo lavoro. Cioè, l’uomo è proprietario del suo salario. La proprietà nasce, dunque, dalla libertà e dal lavoro.

Vediamo ora come la proprietà del salario genera la proprietà di ogni sorta di beni mobili e immobili. Poiché l’uomo è padrone del suo lavoro e del suo salario, può lavorare più o meno, ed economizzare più o meno. Lavorando ed economizzando molto potrà formare un peculio per non avere preoccupazioni circa il domani. O per comprare strumenti di lavoro con cui iniziare una attività. O per comprare un immobile da affittare a terzi. O per mettere insieme un peculio con cui associarsi a un affare. La proprietà - l’espressione, se non mi inganno, è di Leone XIII - è lavoro condensato e accumulato.

Così, dalla libertà e dal lavoro di ciascuno, nasce la proprietà.

A conclusione, rispondo soltanto ad alcune possibili obbiezioni.

1. Non è ingiusto che alcuni diventino proprietari, mentre altri, per malattia, sfortuna o pigrizia, non ottengono per sé un tale risultato?

Sarebbe come chiedersi se non è ingiusto che vi sia gente che gode buona salute, passeggia o viaggia, mentre altri, per malattia, sfortuna o pigrizia, non possono fare altrettanto. Coloro che si trovano in una situazione di inferiorità vanno aiutati. Però non si ferma il corso normale delle cose a causa di situazioni anormali, colpevoli o no.

2. Ma la proprietà non si presta ad abusi?

Sì. Vanno impediti. Ma non per questo è il caso di perseguitarla e di mutilarla. Anche in materia di libertà e di lavoro sono possibili abusi. Tutti sono d’accordo nell’impedirli. Nessuno sarebbe d‘accordo sull’ipotesi di mutilare o perseguitare la libertà o il lavoro per questa ragione.

3. Se la libertà, il lavoro e la proprietà sono così uniti, perché la TFP ha optato, nella sua divisa, per la parola "proprietà"?

La nostra denominazione è Sociedade Brasileira de Defesa da Tradição, Família e Propriedade. Che cosa, oggi, manca maggiormente di difesa sul piano dottrinale? La libertà e il lavoro, che tutti glorificano una voce? No. Ma la proprietà, che i demagoghi e gli sciocchi - gli uni e gli altri in auge, nel nostro secolo - attaccano con tutte le forze.

Sì, difendiamo la proprietà, e in essa e con essa, implicitamente, il lavoro e la libertà.

(*) Folha de S. Paulo, 2 ottobre 1968. Tratto da Cristianità, febbraio-marzo 1978.

 

Categoria: Articoli sulla "Folha de S. Paulo"

Iscriviti alla Newsletter

captcha 
Inoltre se desiderate essere invitati alle riunioni pubbliche in una delle città sopra elencate, Vi preghiamo di selezionare la casella corrispondente.
FacebookTwitter