Articoli di Plinio Corrêa de Oliveira

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Bécassine: Veri e piccoli trattati di sociologia viva

 

BcassineHo sempre considerato un vero sociologo l’artista Joseph Pinchon (1871-1953), l'autore dei disegni dei libri su Bécassine, un personaggio della letteratura infantile di quell’epoca.

Contadina della Bretagna, Bécassine era figlia della coppia Labournez. Vivevano a Clocher-les-Bécasses, una piccola città dal nome incantevole che esisteva in funzione del castello del Monsieur et Madame de Grand-Air, i marchesi della regione.

Paragonati agli abbigliamenti e ai modi di essere dei miei tempi di bambino [inizio del secolo XX], le illustrazioni mostrano caratteristiche dell’ambiente sociale equivalente a San Paolo, che era considerevolmente alla francese.

I libri di Bécassine sono dei veri piccoli trattati di sociologia.

Ecco una scena caratteristica, anteriore alla Prima Guerra Mondiale, che illustra un aspetto della festa di battesimo nella famiglia di Bécassine - una festa di contadini, alla quale la marchesa è stata invitata - in cui risaltano tre persone: la marchesa, il cocchiere e un contadino.

Madame de Grand-Air una signora sui trent’anni, con ancora un po' di signorina e qualcosa di signora. Il modo come alza le braccia è sommamente distinto. Il braccio che regge l’ombrellino è talmente leggero, che si direbbe non soggetto all’azione della gravità. Con l’altro saluta in modo affabile Monsieur Labournez.

Il pudore nell’abbigliamento è notevole. La marchesa è tutta coperta, con le braccia rivestite da grandi guanti in pelle bianca che arrivano sino alla manica. Dimostra grande sicurezza di sé, è seduta con un portamento altero e uno sguardo benevolo verso Monsieur Labournez. Lo guarda molto dall’alto, sa marcare la distanza, ma sa pure oltrepassare questa distanza. Da un estremo all’altro, è come un arcobaleno di benevolenza e di simpatia.

La sua importanza è messa in rilievo dal cocchiere. Con una postura tesa e la corpulenza di un banchiere fiero della sua importanza, egli guida la carrozza e con una fisionomia che sembra dire: Fate largo alla Marchesa di Grand-Air. Quest’atteggiamento del cocchiere contrasta con l’affabilità della marchesa. Vien bene che una signora di quel livello si faccia precedere da un uomo capace di difenderla, garantendo la sicurezza e dandole la possibilità di essere molto graziosa, accogliente e lieve.

 

Bécassine: l'opposto della Rivoluzione Francese

 

Becassine Catolicismo luglio 2019

 

In questa scena si vede la rappresentazione delle prove per il matrimonio di un re e una regina (Carlo VIII e Anna di Bretagna) e due bambini che li precedono. La bambina indossa un abito azzurro, con gigli, e rappresenta la Francia; e il bambino veste un abito bianco e porta i simboli araldici che rappresentano la Bretagna.

Il personaggio che ha organizzato la festa per ricordare l'unione della Francia con la Bretagna sta chiedendo l'opinione del marchese di Grand-Air, un modello di eleganza maschile anteriore alla Prima Guerra Mondiale. Sono due anziani che colloquiano, e si percepisce chiaramente la differenza sociale di entrambi. Se qualcuno domandasse, non sarebbe difficile rispondere chi è il marchese.

L'anziano a sinistra è un contadino vestito da personaggio della corte di Anna di Bretagna; l'altro è il marchese. Fine ed esile, quasi come il fumo che si sprigiona da una sigaretta, ha il tono e il modo di un uomo consapevole della propria importanza, abituato ad essere considerato, che sa comandare, e con il quale non si può scherzare. Il suo nasone ricorda vagamente un uccello rapace, che sa decidere senza titubare. Egli porta un bel cappello, una cravatta esuberante, un panciotto e una giacca pomposa che arriva fino alle ginocchia, detta casacca.

Il contadino si sente completamente a suo agio, ma tiene il cappello in mano come segno di rispetto, e si inclina un po' mentre parla con il marchese. Per sapere se la messa in scena del matrimonio è fatta bene, egli consulta il marchese senza il benché minimo timore di essere maltrattato, preso in giro o disprezzato; e il marchese di Grand-Air dimostra una benevolenza accattivante. Gli rivolge la parola come se stesse dinanzi ad un altro nobile, dando spiegazioni con molta amabilità. Regna tra loro una completa concordia - l'opposto della lotta di classi marxista, predicata dai comunisti e dai teologi della liberazione.

Categoria: Serie "Ambienti Costumi Civiltà"

Iscriviti alla Newsletter

captcha 
Inoltre se desiderate essere invitati alle riunioni pubbliche in una delle città sopra elencate, Vi preghiamo di selezionare la casella corrispondente.
FacebookTwitter