Articoli di Plinio Corrêa de Oliveira

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Ambienti, Costumi, Civiltà

 

Due quadri, due mentalità, due dottrine

di Plinio Corrêa de Oliveira

 

[Tratto da «Catolicismo», n° 6, Giugno 1951]


madonna_03

Il lettore faccia un esercizio con la fantasia e supponga che sia possibile ritornare al tempo di Cristo, ed entrare nella stanza dell’umile abitazione della Sacra Famiglia a Nazareth.

Immagini di trovare lì la Madonna che gioca con il Bambino.

E che l’una e l’altro fossero esattamente come Rouault li ha immaginati nel quadro a destra.

Questa vista soddisferebbe le aspettative del lettore?

Corrisponderebbe a ciò che ci si potrebbe aspettare della Madre di Dio e dello stesso Verbo Incarnato?

Troverebbe in queste figure un riflesso autentico dello spirito cristiano, delle virtù ineffabili di Gesù e Maria?

madonna_04

Evidentemente no.

Quindi, colui che si impegna affinché l’arte cristiana rifletta in modo degno e adeguato lo spirito del Vangelo e della Chiesa non può rimanere indifferente al fatto che quadri di questo stile diventino generalizzati fra i fedeli.

Alla fine, cosa potrà pensare e sentire sulla Sacra Famiglia un popolo che non abbia davanti a sé altro che opere pittoriche o scultoriche di questo livello?

L’arte cristiana ha il compito di promuovere, nella misura delle sue possibilità peculiari, la diffusione della sana dottrina.

E non si può ritenere che lo spirito di questo quadro sia propizio a tale scopo.

Per spiegare meglio queste affermazioni, consideriamo, invece, quanto è efficace questo quadro del "Maître de Moulins" (sec. XV), anch'esso raffigurante la Madonna ed il Bambino, per far capire con i sensi ciò che la Chiesa ci insegna su Gesù e Maria.

Categoria: Serie "Ambienti Costumi Civiltà"

Iscriviti alla Newsletter

captcha 
Inoltre se desiderate essere invitati alle riunioni pubbliche in una delle città sopra elencate, Vi preghiamo di selezionare la casella corrispondente.
FacebookTwitter