2019

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

25 anni!

 

di Julio Loredo

 

Nel marzo del 1995 usciva il primo numero della rivista “Tradizione Famiglia Proprietà” – allora un semplice bollettino di sedici pagine – organo dell’omonimo Ufficio, oggi Associazione, con sede a Roma.

Il numero era dedicato quasi integralmente alla campagna di diffusione del libro di Plinio Corrêa de Oliveira «Nobiltà ed élites tradizionali analoghe nelle allocuzioni di Pio XII al Patriziato e alla Nobiltà romana», rivelatasi poi la sua ultima opera. Una lunga intervista all’autore su “Il ruolo della nobiltà oggi” occupava le pagine principali.

Nell’Editoriale, intitolato “Una suprema battaglia in signo Crucis”, affermavamo che la rivista voleva “divulgare questo supremo sforzo per la salvezza della civiltà cristiana e occidentale dal naufragio finale”, presentando ai lettori “questa grande iniziativa al servizio di un grande ideale: la crociata del XX secolo”.

Venticinque anni dopo, ormai al suo ottantaquattresimo numero, la nostra rivista continua a portare avanti questa crociata nello spirito di Plinio Corrêa de Oliveira.

Qual è la finalità della nostra rivista? Per rispondere possiamo fare nostre le parole del prof. Plinio Corrêa de Oliveira riferite alla rivista “Catoli- cismo”, da lui fondata nel 1951: “Giornale fatto da cattolici militanti e praticanti, vogliamo che esso sia un sale molto, molto salato, una luce posta in cima al monte e molto brillante. (…) Il nostro leit-motiv dev’essere la Civiltà cattolica, apostolica, romana nella sua integrità, nella sua assolutezza e minuziosità. Ecco quello che dobbiamo desiderare!”.

Il secondo numero della rivista, luglio 1995, pubblicato in vista della nostra partecipazione al Convegno Mondiale per la Vita organizzato a Roma dal Pontificio Consiglio per la Famiglia, fu dedicato alla difesa della vita profuso dalle TFP nel mondo intero. Infatti, quando il dott. Plinio fondò la TFP brasiliana nel 1960, dandole appunto il nome di “Società per la difesa della Tradizione, Famiglia e Proprietà”, ben sapeva che la lotta per la vita innocente e per la famiglia sarebbe stata un punto centrale della battaglia dei decenni a venire. La TFP si configura, così, come la più antica associazione pro-life e pro-family del mondo.

Con profonda tristezza, ma con l’animo integro, dovemmo dedicare il terzo numero al nostro fondatore, deceduto il 3 ottobre di quell’anno: “Plinio Corrêa de Oliveira: Un uomo di Fede, di pensiero, di lotta e di azione”. Era l’omaggio filiale delle TFP e associazione affini, allora esistenti in 26 Paesi dei cinque continenti. Chiudevamo il numero speciale con le stesse parole del dott. Plinio:

“In mezzo a questo caos (in cui va sprofondando il mondo moderno), una cosa sola non muterà. È, nel mio cuore e sulle mie labbra, come pure in quelli di tutti coloro che la pensano come me, l’orazione trascritta poco sopra: ‘Levo i miei occhi a te, che abiti nei Cieli. Come gli occhi del servo sono fissi sulle mani dei suoi padroni, come gli occhi della serva sulle mani della sua padrona, così i nostri occhi sono fissi sulla Signora e Madre nostra, finché Ella abbia misericordia di noi’. È l’affermazione dell’immutabile fiducia dell’anima cattolica, inginocchiata ma ferma in mezzo alla generale convulsione. Ferma, sì, con tutta la fermezza di coloro che, in mezzo alla bufera e con una forza d’animo maggiore di questa, continueranno a proclamare dal più profondo del cuore: ‘Credo in Unam, Sanctam, Catholicam et Apostolicam Ecclesiam’, ossia, Credo nella Chiesa cattolica, apostolica, romana, contro la quale, secondo la promessa fatta a Pietro, le porte dell’inferno non prevarranno”.

Il Terzo millennio si aprì con una nuova esplosione rivoluzionaria: la duplice tenaglia dell’attentato alle Torri Gemelle e la distruzione del centro di Genova per mano dei Black Block. Proprio al nuovo panorama di allora dedicammo il primo numero del 2001.

Come non menzionare poi il numero speciale pubblicato nell’ottobre 2005, che commemorava i dieci anni della scomparsa di Plinio Corrêa de Oliveira? Vi pubblicammo una breve biografia illustrata del leader cattolico brasiliano che ebbe una larga diffusione: venticinquemila esemplari distribuiti.

La vita esemplare di Plinio Corrêa de Oliveira e le sue battaglie in difesa della Civiltà Cristiana hanno dimostrato a schiere di giovani, in tutto il mondo, che un ordine temporale improntato agli insegnamenti del Vangelo è l’unico antidoto contro il disfacimento morale e sociale odierno.

Da parte sua, nei primi anni Duemila, la sinistra ha saputo cogliere la sensazione di disagio che serpeggiava nelle persone, lanciando lo slogan propagandistico “un’altro ordine è possibile”. Visto da vicino, però, questo nuovo ordine proposto all’epoca non era altro che l’ulteriore inasprimento dei fattori rivoluzionari che ci hanno portato poi all’attuale situazione.

Al contrario, noi cattolici dobbiamo proclamare ad alta voce: Sì, un’altro ordine è possibile, anzi c’è già stato. Si tratta solo di restaurarlo. È l’ordine della civiltà cristiana, come spiega Papa S. Pio X: “La civiltà non è più da inventare. (...) Essa è esistita, essa esiste; è la civiltà cristiana. Si tratta unicamente d’instaurarla e di restaurarla senza sosta sui suoi fondamenti naturali e divini contro gli attacchi sempre rinascenti della malsana utopia, della rivolta e dell’empietà”.

Categoria: Dicembre 2019

Iscriviti alla Newsletter

captcha 
Inoltre se desiderate essere invitati alle riunioni pubbliche in una delle città sopra elencate, Vi preghiamo di selezionare la casella corrispondente.
FacebookTwitter