1996

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Conferenze di presentazione di “Il Crociato”

 

Roma. Si è svolta a Roma, il 2 novembre, la prima presentazione del libro del prof. Roberto de Mattei, «Il crociato del secolo XX: Plinio Corrêa de Oliveira». Presieduta da S.Em. il cardinale Alfons Maria Stickler, alla conferenza nel salone della Libreria Colletti antistante al maestoso Colonnato di San Pietro erano presenti altri due porporati di Santa Romana Chiesa, le eminenze Paul Augustin Mayer e Opilio Rossi, assieme ad un attento e folto pubblico di un centinaio di persone.

Il primo relatore, il giornalista e scrittore Rino Cammilleri, ha offerto una vivida testimonianza del ruolo svolto dal prof. Plinio Corrêa de Oliveira nella sua conversione al cattolicesimo partendo da posizioni comuniste radicali. “Rivoluzione e Controrivoluzione fu per me l’apertura di Sesamo”, ha svelato CammilIeri, riferendosi al capolavoro del pensatore brasiliano, “in cui potè finalmente trovare una inoppugnabile e chiara sistematizzazione razionale delle fondamentali verità cattoliche”.

A seguire, pur non condividendo certe scelte politiche del prof. Plinio Corrêa de Oliveira, il decano internazionale dei vaticanisti accreditati e direttore del servizio religioso dell’ANSA Federico Mandillo, che ha accompagnato Giovanni Paolo II nei suoi viaggi in tutto il mondo, ha sottolineato la profonda spiritualità del leader cattolico brasiliano. “Il libro del prof. de Mattei”, ha dichiarato, “è stato per me occasione di una riflessione profonda; mi ha causato dei sentimenti contrastanti. Il primo, più spontaneo, caldo, di ammirazione filiale per un maestro di cristianesimo militante vissuto all’insegna della generosità e della croce”.

Juan Miguel Montes, direttore dell’Ufficio Tradizione Famiglia Proprietà di Roma, ha salutato l’opera del prof. de Mattei come “il primo e assai ben riuscito lavoro mirante a illustrare il pensiero di Plinio Corrêa de Oliveira e le sue straordinarie realizzazioni concrete, ma anche i tratti più alienti della sua personalità in quanto uomo”.

Alla fine, il Cardinale Stickler ha chiuso l’incontro con le toccanti parole che riportiamo più avanti.

 

Milano. Organizzato dal Circolo Culturale Carlo Magno, diretto da Franco Maestrelli, il 3 novembre si è tenuto a Milano al Jolly Hotel il convegno “Una vita contro la Rivoluzione: Plinio Corrêa de Oliveira”.

In apertura dei lavori l’avvocato Marzio Tremaglia, Assessore alla Cultura della Regione Lombardia, ha dichiarato di aver conosciuto «Rivoluzione e Contro Rivoluzione» già in gioventù, sottolineando che specialmente nel mondo di oggi, in preda al caos postmoderno, servono più che mai solidi punti di riferimento come Plinio Corrê de Oliveira.

Nel suo intervento, il pro. Massimo de Leonardis, docente di Storia presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore, ha posto l’accento sulla portata intellettuale del pensatore brasiliano, nonché sulla sua totale coerenza di vita. “Plinio Corrêa de Oliveira e le TFP”, ha affermato lo storico milanese, “dimostrano che si può essere integralmente controrivoluzionario e, allo stesso tempo, battersi efficacemente contro gli errori del tempo”.

La Contessa Elena Caccia Dominioni, a sua volta, ha rivolto ai convenuti un fervido appello perché si impegnino a non ammainare lo stendardo innalzato da Plinio Corrêa de Oliveira, la cui santità “emerge chiaramente dalle pagine di questo eccellente libro. Adesso il Dr. Plinio ha passato il suo stendardo ai suoi amici brasiliani e anche italiani. Speriamo che lo tengano in alto e che lo vediamo da tutte le parti mentre infuria, perché infuria, la battaglia”.

Ha concluso la sessione Juan Miguel Montes, dell’Ufficio TFP.

 

Montecitorio. Su iniziativa dei Comitati per un’Italia dei Valori Tradizionali e Familiari, si è svolto l’incontro “Valori e Politica verso il Terzo Millennio” presso la Sala del Cenacolo della Camera dei Deputati. Durante i lavori, coordinati dal marchese Luigi Coda Nunziante, presidente dell’Associazione Famiglia Domani, è stato presentato il libro «Il crociato del secolo XX».

Tra i relatori il vicepresidente del Senato, prof. Domenico Fisichella, il deputato e direttore del Secolo d’Italia, dottor Gennaro Malgieri, il senatore Gaetano Rebecchini e Guido Vignelli del Centro Culturale Lepanto.

 

Parole del Cardinale Stickler

“Devo dire che io ho incontrato questo grande uomo, Plinio Corrêa de Oliveira, in compagnia di altre persone, di altre istituzioni e movimenti piuttosto contestati, rifiutati perfino. Ho ricevuto lettere personali da vari Paesi in cui si accusano questi movimenti. Io mi sono sempre meravigliato: come mai proprio da questi movimenti che, per quanto potevo conoscerli, erano non solo ottimi movimenti, ma si basavano su ottimi fondatori, si poteva parlare così male, anche perfino negli ambienti nostri della Chiesa Cattolica?

“E devo dire che ho trovato una piena chiarificazione, di fronte a queste contestazioni, nel libro del nostro autore qui presente. Lui spazza via praticamente tutti i dubbi sulla personalità, sulla dottrina e anche sulle opere di Plinio Corrêa de Oliveira. E con ciò naturalmente anche tutti i dubbi e anche tutte le calunnie. E perciò sono stato molto contento di poter dire la mia personale parola, per quanto modesta perché non di prima competenza in questo caso, quasi come uno dei tanti che in questo libro vedono ora la personalità di Plinio Corrêa de Oliveira nella sua verità, nella sua essenzialità e anche nella sua grande importanza non solamente per il passato ma per il presente e ancora di più per l’avvenire.

“Nella situazione attuale in cui ci troviamo oggi, soprattutto nella Chiesa, abbiamo bisogno di uomini come lui di una dirittura senza compromessi, di chiarezza di idee e soprattutto di un attaccamento senza nessun limite alle nostre autorità e a cui noi dobbiamo modellarci”.

 

Rino Cammilleri

“Mi incontro con il pensiero di questo crociato del XX secolo e, dirò di più, capo della crociata del XX secolo. ( ... ) «Rivoluzione e Contro-Rivoluzione», di Plinio Corrèa de Oliveira, fu per me l’apertura di Sesamo, che mi svelò quello che mancava. Era la cornice entro cui si potevano mettere tutti i tasselli e tutte le domande trovarono risposta. ( ... )

“Adesso sappiamo anche grazie a Plinio Corrêa de Oliveira non solo come mettere ordine nel passato e sapere che il passato dei cattolici non solo non è un passato di cui bisogna vergognarsi ma anzi è un passato di cui gloriarsi, ma soprattutto il pensiero di Plinio Corrêa de Oliveira dà una chiave anche per il presente e per il futuro. Le categorie giuste messe al posto giusto grazie al pensiero di Plinio Corrêa de Oliveira. (. .. )

“In mezzo alla zizzania tocca in qualche modo a questo pusillus grex che ha fatto tesoro delle categorie del capo della crociata del XX secolo chiarire a quelli che hanno ancora orecchie per sentire cos’è la verità, dov’è la verità e vivere questa Carità che in qualche modo Dio ci ha fatto e di cui francamente penso che non si finirebbe mai di ringraziarlo”.

 

Massimo di Leonardis

“Plinio Corrêa de Oliveira è una figura eccezionale del cattolicesimo dei nostri tempi. È stato un pensatore della grande cultura teologica, è stato un leader politico, è stato un professore universitario, un pubblicista e uno scrittore. È difficile, sopratutto in questo secolo, trovare riunite in una stessa persona doti eminenti di santità personale, di pensatore, di fondatore e di guida di movimenti civici.

“Molte sono le ragioni che per un cattolico militante in questi tempi oscuri rendono fondamentali le opere di Plinio Corrêa de Oliveira. Ne ricorderò solo una che mi sembra riassuma tutte queste ragioni, e che abbia particolare importanza in un’epoca come questa che sembra che ai cattolici impegnati in politica lasci solo un’alternativa tra la fedeltà a prezzo dell’impotenza pratica, o la partecipazione al potere basata però sul tradimento dei princìpi e valori cattolici.

“Plinio Corrèa de Oliveira e le associazioni da lui create, appunto le Società per la difesa della Tradizione Famiglia e Proprietà - TFP - oggi diffuse in 27 Paesi dei cinque continenti, dimostrano che si può essere integralmente controrivoluzionari o, e allo stesso tempo battersi efficacemente nel mondo di oggi contro gli errori del tempo”.

 

Categoria: Novembre 1996

Iscriviti alla Newsletter

captcha 
Inoltre se desiderate essere invitati alle riunioni pubbliche in una delle città sopra elencate, Vi preghiamo di selezionare la casella corrispondente.
FacebookTwitter