2006

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

San Giuseppe, martire della grandezza

 

Per farci un’idea di chi fosse S. Giuseppe -- Patrono della Chiesa, celebrato oggi 19 marzo -- vista la scarsità dei dati biografici, dobbiamo prendere in considerazione due fatti: egli era sposo della Madonna e padre putativo di Nostro Signore Gesù Cristo.

Lo sposo dev’essere proporzionato alla sposa. Orbene, chi è la Madonna? È di gran lunga la più perfetta delle creature, il capolavoro dell’Altissimo. Se mettiamo insieme tutte le virtù di tutti gli angeli, di tutti i santi, di tutti gli uomini fino alla fine dei tempi, non otterremo nemmeno un pallido riflesso della sublime perfezione di Maria Santissima.

S. Giuseppe fu scelto perché era proporzionato a questa eccelsa creatura. Proporzionato per il suo amore a Dio, per la sua purezza, la sua sapienza, la sua giustizia, insomma per le sue virtù.

Ma c’è qualcosa di ancor più insondabile. Il padre dev’essere proporzionato al figlio. Egli doveva portare sulle spalle l’immenso onore di essere padre putativo di Dio. Ci fu un solo uomo creato appositamente per questo, con l’anima abbellita di virtù perfettamente proporzionate alla sua condizione di padre di Dio. Quest’uomo fu S. Giuseppe.

Egli era proporzionato alla Madonna ed era proporzionato a Dio Nostro Signore. Quanta grandezza in San Giuseppe! La sproporzione col resto degli uomini è tale che non possiamo nemmeno sollevare il quesito. Come doveva essere grande la sua anima per poter convivere nell’intimità col Verbo Incarnato e con la Regina dell’Universo! Le parole umane sono del tutto insufficienti per esprimere questa grandezza.

Questa grandezza fu però rifiutata dagli uomini. Leggiamo infatti nel Vangelo che la Madonna “diede alla luce il suo figlio, lo avvolse in fasce e lo adagiò in una mangiatoia perché all’albergo non c’era posto per loro” (Lc. 2, 7).

Questo brano racchiude una verità fin troppo amara: gli uomini hanno una particolare difficoltà ad accogliere la grandezza. Hanno una fondamentale tendenza alla banalità che gli fa rigettare ciò che è grandioso, ciò che è sublime.

S. Giuseppe, principe della casa di Davide, eccelso sposo di Maria Santissima e padre putativo del Verbo Incarnato, deve affrontare il rigetto di uomini volgari. Egli accetta questo martirio e conduce la sua sposa in una stalla. Un gesto glorioso che sarà ricordato da tutti gli uomini di buona volontà fino alla fine dei tempi. S. Giuseppe, martire della grandezza, prega per noi!

(Da una conferenza del prof. Plinio Corrêa de Oliveira nel 1984. Tratto dalla registrazione magnetofonica, senza revisione dell’autore.) 

Categoria: Marzo 2006

Iscriviti alla Newsletter

captcha 
Inoltre se desiderate essere invitati alle riunioni pubbliche in una delle città sopra elencate, Vi preghiamo di selezionare la casella corrispondente.
FacebookTwitter