Testo

2015

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Peggio delle droghe

Quando si parla di “dipendenza”, saltano subito in mente le droghe, tutte pericolosissime. Vi è, però, una dipendenza per certi versi molto peggiore della marijuana o della cocaina: i videogiochi su internet. Lo dicono gli esperti – psicologi, educatori, sociologi – sempre più preoccupati per questa che, da più parti, comincia a essere chiamata la “dipendenza del secolo XXI”.

Proprio a questo problema così attuale, Tradición y Acción por un Perú Mayor, consorella delle TFP, ha dedicato un libro recentemente pubblicato a Lima: «Internet y videojuegos. La “adicción del siglo XX”. Ver, juzgar, actuar».

Il gioco ha un ruolo essenziale nello sviluppo dei bambini e degli adolescenti. Serve per distrarre, mentre intrattiene, istruisce, diverte e aiuta a sviluppare le capacità intellettuali e fisiche. Favorisce anche la socializzazione. È soprattutto nel gioco, infatti, che il bambino impara a interagire con gli altri. I videogiochi, oggi, diffusi in rete hanno l’effetto esattamente contrario: generano ansietà, squilibri, depressione, isolamento, tristezza, aggressività…

L’aggressività può giungere alla violenza. Il libro cita molti esempi: dal ragazzo dell’Ohio che assassinò i genitori perché gli avevano proibito di giocare online, al giovane peruviano ucciso dal rivale per l’amore di una “donna” virtuale. Si moltiplicano, poi, i casi di morte per video-dipendenza. Il numero di giovani deceduti, a causa delle intere giornate passate davanti allo schermo, è in drammatica crescita. È il caso di Chris Staniforth, ventenne inglese morto per trombosi polmonare dopo 72 ore ininterrotte davanti alla sua Xbox.

Dopo una prima sezione dedicata al “vedere”, il libro dedica alcuni capitoli al “giudicare”. Tanto per cominciare, i videogiochi distruggono il tessuto della famiglia. Poi, producono un isolamento dal mondo reale che sfocia in depressione e mancanza di capacità di attenzione. Spesso la depressione provoca, o aggrava, la sindrome di Attention Deficit Hyperactivity Disorder.

Nel 2003, uno studio condotto su oltre centomila ragazzi di 31 paesi giunse alla conclusione che “il computer rende i giovani meno intelligenti”. Più recentemente, nel 2012, uno studio condotto dall’Università di Ulm, in Germania, è giunto alla stessa conclusione: “Se l’uso del computer continua ad aumentare, la prossima generazione sarà di scemi”. Gli studiosi stanno parlando del popcorn brain, il cervello popcorn. “L’uso incontrollato del computer – spiega il brasiliano Gilberto Dimenstein – provoca nel cervello un’agitazione simile al popcorn che salta nell’olio bollente nella pentola”.

L’ultima sezione del libro – “agire” – è dedicata alle soluzioni. L’opera passa in rivista i consigli proposti dagli esperti per aiutare genitori e insegnanti ad affrontare il problema: limitare l’uso del computer, accompagnare i programmi scaricati, restare vicini ai figli, sostituire i videogiochi con altre attività e via dicendo. Un punto cardine è ripristinare la conversazione in famiglia. I genitori e gli insegnanti non devono aver paura di controllare i giovani. Anzi, è quello il loro compito. L’essenziale, afferma il libro della TFP peruviana, è impegnarsi seriamente nell’educazione dei giovani, insegnando loro il valore del bene e del bello.

Categoria: Dicembre 2015

Iscriviti alla Newsletter

captcha 
Inoltre se desiderate essere invitati alle riunioni pubbliche in una delle città sopra elencate, Vi preghiamo di selezionare la casella corrispondente.
FacebookTwitter