2016

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Romania: in tre milioni dicono SÌ alla famiglia

 

Guidati dalla Coaliția pentru Familie (Coalizione per la Famiglia) i romeni hanno detto un fortissimo SÌ alla famiglia tradizionale. Più di tre milioni di firme sono state raccolte in tutto il Paese per indire un referendum che introduca nella Costituzione una clausola definendo la famiglia come formata dal matrimonio tra un uomo e una donna.

Notevole l’impegno della Chiesa Ortodossa Romena, che ha mobilitato il clero e aperto i luoghi di culto per la campagna pro-famiglia. Infatti, la stragrande maggioranza delle firme sono state raccolte da volontari di associazioni religiose.

La nuova formulazione proposta per l’articolo 48, par. 1 della Costituzione recita: “La famiglia è l’unione libera e volontaria tra un uomo e una donna, e si basa sulla loro uguaglianza e sul loro diritto e dovere di provvedere alla protezione, all’istruzione e alla formazione dei bambini”.

La proposta referendaria intende contrastare la campagna della lobby LGBT per introdurre, anche in Romania, le unioni civili, cioè il matrimonio omosessuale. La legge civile romena prevede solo il matrimonio eterosessuale. Se il quesito referendario proposto dalla Coalizione per la Famiglia sarà approvato, si chiuderebbe definitivamente la porta alle unioni civili.

Il quesito, depositato presso il Senato lo scorso maggio, è stato approvato il 20 luglio dalla Corte Costituzionale. Adesso spetta al Governo decidere la data del referendum. I sondaggi mostrano un 82% dei romeni contrari al “matrimonio” omosessuale.

Nel contempo, la piattaforma di associazioni pro famiglia della Romania ha ribadito il proprio impegno a sostenere altrettanto massicciamente, sin dalle prossime settimane, l’iniziativa dei cittadini europei (ECI) a favore di definizioni comuni all’interno della UE su matrimonio e famiglia.

Categoria: Dicembre 2016

Iscriviti alla Newsletter

captcha 
Inoltre se desiderate essere invitati alle riunioni pubbliche in una delle città sopra elencate, Vi preghiamo di selezionare la casella corrispondente.
FacebookTwitter