2013

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

 

Il "bambino d'oro"

meninooroPossiamo fare un esempio di innocenza primordiale con la foto pubblicata su una rivista. Si vede la regina d’Inghilterra, vestita con l’abito da grande cerimonia, in una carrozza tirata da cavalli. A guardarla passare, c’è un bambino sul marciapiede. Ha un atteggiamento profondamente contemplativo e rapito dinanzi alla sovrana. Involontariamente, egli è in posizione di preghiera. Le due mani sono giunte e il suo sguardo è ineffabile: un misto di riverenza, di rispetto, di affetto.

È attento. Gli occhi sono fissi sulla regina. Tutta la postura del viso, l’intera espressione dello sguardo è un misto di contemplazione e di preghiera. Per lui, qualcosa nella vita trascende completamente la volgarità quotidiana e questa cosa è un riflesso di Dio in Terra. Non pensa neanche un po’ a se stesso. Sta considerando esclusivamente la regalità.

È in un atteggiamento di preghiera e, nel contempo, di affetto. Non vuole essere re, non vuole trarre alcun profitto dalla monarchia e non ci pensa neanche ad avere un ruolo di risalto in questa scena. Per contrasto, gli è vicino una bambina che si è accorta di essere fotografata e si mette in posa. È tutta eccitata dall’evento di moda; se le dicessero che diverrebbe regina, ne sarebbe tutta contenta. il bambino invece non ha la minima voglia di divenire un re. Egli vuole, questo sì, che esista un re. È una buona immagine di chi non ha pretese: è una persona che guarda qualcos’altro che non se stesso ed è capace di incantarsene interamente.

Questo bambino potrebbe dire alla regina: “Maestà, io vi ringrazio, vi sono grato di essere la regina”. Sarebbe un’eco di quel passo del Gloria della messa: Gratias agimus tibi propter magnam gloria tuam – noi vi rendiamo grazie, o Dio, per la vostra grande gloria.

È veramente un bambino d’oro!

(Dal libro «Innocenza primordiale e contemplazione sacrale dell’universo»)

Categoria: Giugno 2013

Iscriviti alla Newsletter

captcha 
Inoltre se desiderate essere invitati alle riunioni pubbliche in una delle città sopra elencate, Vi preghiamo di selezionare la casella corrispondente.
FacebookTwitter